Torino: tra gli otto finalisti al Concorso Mirafiori

Una zona ricca di storia, che ha rappresentato una pagina importante non solo della storia sociale ed economica della città di Torino ma dell’Italia intera. Mirafiori è il complesso industriale più antico d’Europa  attualmente in funzione. Dal 1936 ha ospitato la nuova produzione automobilistica della Fiat, su una superficie di grandissima estensione (circa 2 milioni di metri quadri).

Quest’anno Torino Nuova Economia, una società composta dal Comune di Torino, dalla Regione, dalla Provincia, dalla Città Metropolitana di Torino e dalla società Fiat ha indetto un bando per promuovere il riuso di una porzione (circa 37.000 mq) dell’intera area con un grande spazio esterno ed uno interno costituito da strutture metalliche e campate oscillanti in altezza tra i 10 e i 12 mq.

Il bando, pubblicato il 20 Aprile, ha accolto molte proposte nazionali ed internazionali volte a “trasformare la zona A dell’ex stabilimento industriale Fiat di Mirafiori, in un polo di attrazione e aggregazione, propulsore di sviluppo e fucina di creatività, non solo per l’Area Urbana di Mirafiori, ma per l’intera città di Torino“. Il 3 Luglio sono stati scelti gli otto migliori progetti che passeranno alla seconda fase, quella dell’incontro diretto con la committenza. Alle fine di questo percorso, verrà scelto e realizzato il progetto migliore.

In questi mesi Laurenzi Consulting ha collaborato con un team di lavoro composto da professionisti e guidato da Mario Cucinella Architects per elaborare un progetto che mirasse soprattutto all’ecosostenibilità, legandosi in particolar modo al concetto di riuso, che è già implicito nell’intera elaborazione del concorso, contestualmente riuso delle tradizioni, dei mestieri, degli spazi, delle materie prime, dei materiali. Il nostro intervento si è concentrato soprattutto su quella che non è semplicemente un’area ristoro ma un’area di particolare interesse per il food. Partendo da questo premesse abbiamo pensato a un mercato-fiera agroalimentare di piccoli produttori della regione Piemonte e ad una serie di attività di ristorazione che puntassero tutto sul reimpiego degli “scarti” alimentari del mercato. Inoltre, per dare nuova vitalità all’esperienza stessa di Mirafiori e pensando a uno slancio verso il futuro, abbiamo inserito degli spazi aperti alle start-up del prodotto e della ristorazione.

Siamo molto felici che il progetto sia stato selezionato tra gli otto finalisti per procedere verso la seconda fase. Il concorso in genere è un segnale importante di cura di alcuni temi che ci stanno profondamente a cuore e che meritano una grande attenzione a livello globale, anche nel mondo del food.

Ti è piaciuto questo articolo? Dai un'occhiata ai nostri progetti